Presentazione - novembre 2018

In questo numero, nella prima sezione presentiamo:

- per la scuola dell’infanzia: “Non vogliamo che il Natale diventi la ‘solita’ festa dei regali e che il percorso di attesa si riduca allo shopping per le famiglie e al ‘lavoretto’ e addobbi per le insegnanti”. Così si sono dette le docenti della scuola dell’infanzia di cui presentiamo il percorso: e così hanno progettato un avvenimento che coinvolgesse in prima persona bambini, famiglie e insegnanti: una Sacra Rappresentazione che si è snodata per le vie del centro della città. Un’esperienza veramente significativa.

- per la primaria: Le competenze possono diventare una grande possibilità nella didattica: occorre però comprenderne la valenza, non farsi ingabbiare da aspetti formali e soprattutto avere una grande passione per i propri alunni: quella che ha spinto la docente, a partire dall’osservazione dei suoi alunni, a creare per loro un percorso in cui i bambini hanno creato i giochi per i propri compagni. Un’esperienza molto interessante e coinvolgente, frutto di sensibilità e di professionalità.

- per la 2^ della secondaria di primo grado: Perché introdurre la didattica per competenze? Ad esempio, per rendere l’insegnamento più significativo: come nel percorso che presentiamo in cui la docente ha invitato gli alunni a recuperare i volantini dei supermercati con la pubblicità dei prodotti scontati per lavorare sul concetto di percentuale. Niente di più ‘reale’, e niente di più semplice. Ma occorre la consapevolezza degli strumenti pedagogici e la fantasia didattica per creare un percorso che faccia comprendere il nesso scuola/realtà in modo vivo ed appassionante.

- per la 1^ della scuola superiore: Sempre più spesso vediamo i nostri studenti incapaci di vivere con libertà i loro sentimenti: a partire da questa costatazione la docente, di cui presentiamo il percorso, ha progetto un’attività sull’amore tra i giovani, molto articolata e di grande interesse, frutto di grande passione e sensibilità didattica. Un’esperienza che ha suscitato anche l’entusiasmo dei suoi ragazzi.